PREVENZIONE DEL RISCHIO CANCEROGENO PROFESSIONALE, DELLE PATOLOGIE PROFESSIONALI DELL’APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO E DEL RISCHIO STRESS CORRELATO AL LAVORO (PP8)

Referente Aziendale: Dott. Patrizia Tanzilli UOS PreSAL Sud, patrizia.tanzilli@aslfrosinone.it

Di seguito si presentano le azioni che si sviluppano a livello della azienda ASL di Frosinone al fine di ridurre gli effetti negativi dei rischi occupazionali previsti nel piano PP8, tenendo conto che la salute è il risultato dell’interazione di fattori ambientali, individuali, occupazionali ma anche socioeconomici e più estesamente dell’ecosistema nell’ottica di uno sviluppo armonico e sostenibile dell’essere umano, della natura e dell’ambiente (One Health). Il piano aziendale si sviluppa con attività previste fino al 2025 e le azioni coinvolgono tutti i portatori di interesse nella tutela della salute e sicurezza dei lavoratori. Verranno illustrati loro gli obiettivi e le azioni del piano prevedendo momenti di interazione finalizzati a sviluppare sinergie di competenze e di ruoli. Con il presente PAP si tende alla realizzazione di un modello territoriale integrato finalizzato alla tutela dei rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, anche attraverso momenti di assistenza con implementazione delle conoscenze su i metodi di valutazione del rischio, buone prassi di gestione, proposte e divulgate con vari strumenti (Vademecum, sitografia, sportelli informativi dedicati, ecc.). L’impostazione risponde anche a criteri di Equità in quanto si pone l’obiettivo di supportare particolarmente le piccole e micro imprese e di implementare nel contempo verso i lavoratori ed i loro rappresentanti (RLS), l’informazione relativa ai rischi occupazionali e alle interazioni con gli eventuali fattori di rischio extraoccupazionali, promuovendo anche l’adesione alle azioni previste in altri piani aziendali di prevenzione rivolti agli stili di vita (alimentazione, fumo, alcool, sedentarietà, ecc.). Nello sviluppo del piano, si tende a realizzare una sinergia tra le attività di assistenza e di vigilanza alle imprese, orientata al supporto del mondo del lavoro sensibilizzando i datori di lavoro non solo sui rischi ma anche sulle conseguenze dovute al mancato rispetto delle norme di sicurezza. La fase di monitoraggio/vigilanza, prevede anche l’adozione dei strumenti di audit elaborati per settori/rischi specifici (Vademecum, schede di valutazione/autovalutazione, ecc.) volti anche all’omogeneità e alla trasparenza delle azioni.

Ultimo aggiornamento: 28/09/2023

Segnala errore in questa pagina