Tu sei qui

Anticorpi monoclonali: l’arma in più contro il Covid-19

Scritta Avvisi su sfondo giallo

Gli anticorpi monoclonali sono proteine in grado di riconoscere, legare e neutralizzare in maniera SPECIFICA e SELETTIVA un determinato recettore proteico sito sulla cella superficie delle cellule bersaglio.

Nel caso dell’infezione da SARS- CoV-2, gli anticorpi monoclonali (NABS) legano selettivamente la proteina spike presente sulle cellule infettate, impedendo l’ingresso del virus SARS-CoV-2 e l’attivazione della risposta immunitaria a cascata (tempesta citochimica) che in una buona percentuale di casi, soprattutto in pazienti con comorbidità, può portare all’insufficienza respiratoria grave fino al ricovero in Terapia Intensiva.

L’utilizzo dei monoclonali trova pertanto indicazione nelle fasi precocissime dell’infezione in quei pazienti con COMOBIDITÀ come indicato nel’Allegato A2 della scheda AIFA Regionale.

Per accedere al trattamento con gli anticorpi monoclonali il paziente deve essere contagiato, ma ancora nelle prime fasi della malattia e presentare condizioni di criticità che potrebbero portare a rapidi peggioramenti.

Secondo le indicazioni AIFA, lo spettro delle patologie ritenute a rischio di progressione sono: diabete scompensato, ipertensione arteriosa con danno d’organo, immunodeficienze, dialisi, trapiantati, obesi (BMI> 30), età> 65 anni, bronchite cronica riacutizzata, cardiopatia etc.

Il tempo più ragionevole per la loro somministrazione è di 48-72 ore, fino ad arrivare a 7 max 10 giorni.

Trascorso tale periodo tale somministrazione risulta inutile ed il paziente potrebbe evolvere verso l’insufficienza respiratoria.

Per tale motivo, la richiesta di questa terapia, deve avvenire soprattutto dal territorio ed in particolare ai Medici di Medicina Generale (oltrech´ dalle USCAR e dai Pronto Soccorso).

Questo perchè il Medico di Medicina Generale è senz’altro il primo a venire a conoscenza della positività dei suoi assistiti ed a conoscere la sua storia clinica, per cui riesce più di ogni altro ad individuare i soggetti a rischio di progressione di malattia, a causa delle comorbidità.

Nella ASL di Frosinone finora sono stati trattati 49 pazienti con comorbidità con MABS.
Nessun effetto collaterale
Nessuna progressione di malattia
Tutte negativizzazioni precoci del tamponi N/F per SARS-CoV-2.

Il centro monoclonali Covid è attivo sempre nei giorni feriali.

Il Medico di Medicina Generale può attivare mail diretta al centromonoclonalicovid@aslfrosinone.it H24 tutti i giorni ed i pazienti verranno arruolati il più presto possibile entro i tempi previsti dalle indicazioni AIFA (scheda regionale disponibile sul portale intranet).

Tel. Riferimento Ambulatorio Malattie Infettive 0775/8822227 ore 8:20-13:30

Il Responsabile U.O.C. Malattie Infettive Centro Monoconali Covid è la dottoressa Katia Casinelli.

Categoria: 

Ti potrebbe interessare anche:

Scritta Avvisi su sfondo giallo
Data Inserimento: Lun, 18/10/2021 - 14:30
Avvisi su sfondo giallo
Data Inserimento: Mer, 13/10/2021 - 14:55
Scritta Avvisi su sfondo giallo
Data Inserimento: Lun, 11/10/2021 - 12:39