ORSEA

“L’ASL Frosinone ha costruito con l’allora Provveditorato agli Studi di Frosinone una lunga e proficua stagione di condivisione progettuale e di collaborazione fattiva, che portò alla nascita di un organismo unico nel suo genere:

ORSEA (Osservatorio Ricerca e Studio Età evolutiva e Adolescenziale)

Nel periodo 1996-2001 l’attività dell’ORSEA si concretizzò nella pubblicazione di 5 Bollettini, innumerevoli convegni, percorsi formativi e occasioni di collaborazione. Questa stagione d’oro si concluse a seguito di due avvenimenti di un certo rilievo: la scomparsa del Provveditorato agli Studi, e le trasformazioni organizzative della ASL di Frosinone. Rimane la testimonianza ancora viva di una collaborazione sicuramente soddisfacente e produttiva.

Nel corso del 2008 e per tutto il 2009, questa Azienda ha deciso che fosse importante e rilevante ridare corpo e sostanze all’attività di prevenzione primaria e secondaria rivolta principalmente alle scuole e questa Direzione ha inteso puntare alla ricostituzione dell’ORSEA che, al momento, rappresenta la forma organizzativa interna alla sola Azienda Sanitaria di Frosinone.

La prima finalità è rappresentata dalla volontà di concretizzare la rete di prevenzione messa in campo dai 4 Dipartimenti Territoriali:

  • il Dipartimento di Prevenzione, attraverso soprattutto il Servizio Presal;
  • il Dipartimento di Integrazione Socio-Sanitaria, nella sua partitura territoriale legata all’area Materno-Infantile (Il Consultorio Pediatrico, il Consultorio Familiare, il Servizio Salute Mentale e Riabilitazione Età Evolutiva, il Servizio Disabilità Linguistiche e Cognitive in Età Evolutiva);
  • il Dipartimento di Salute Mentale (Centri Salute Mentale, Centri Diurni e Comunità Residenziali);
  • il Dipartimento Disagio Devianza Dipendenze, Area Disagio.

La scelta di rinnovare l’impegno ORSEA si è concretizzata, innanzitutto attraverso l’individuazione di una strategia di intervento ritenuta efficace ed in linea con i più recenti orientamenti: la Promozione della Salute. L’intervento di prevenzione tende cioè a fornire al cittadino una serie di informazioni e strumenti che possano permettere una scelta coerente e partecipata, di assunzione di una responsabilità diretta attenta alla qualità della vita e alla promozione di salute. Non più soltanto informazione e educazione, ma promozione attiva di comportamenti sani, consapevoli e partecipativi.

Questo approccio ha comportato, innanzitutto, una diversa organizzazione aziendale ed un coinvolgimento attivo dei Professionisti della ASL di Frosinone nella promozione di un approccio diverso verso il pubblico e, nel nostro caso, verso la scuola. Questo atteggiamento porta, come conseguenza, l’affiancamento ed il riconoscimento della funzione imprescindibile della scuola e degli educatori che agiscono all’interno della scuola, considerati adulti di riferimento e principali veicoli di promozione di salute. L’attenzione si concentra sulla promozione di salute diretta verso il miglioramento del benessere a scuola, sia in ambito organizzativo che gruppale ed individuale, e, tramite i docenti, verso la promozione di benessere degli studenti, attraverso la partecipazione diretta e l’assunzione di responsabilità.

Questa assunzione della strategia di “promozione della salute” ha comportato un lungo e faticoso processo di riorganizzazione orizzontale dell’attività di prevenzione verso la scuola dei 4 Dipartimenti. Si è inteso organizzare una rete interna che potesse rispondere al bisogno di condivisione e partecipazione motivata dei professionisti ASL, un coordinamento attivo e propositivo e che costituisse una importante leva motivazionale rispetto al personale impegnato nella prevenzione.

L’impegno che ne è derivato ha prodotto l’attuale forma organizzativa, che prevede un Comitato Scientifico, diretto dal Coordinatore Socio-Sanitario e formato dai 4 Direttori di Dipartimento, un Ufficio di coordinamento, nel quale sono rappresentati tutte le Strutture Semplici e Complesse impegnate direttamente nell’erogazione di servizi per e con la scuola (un rappresentante per ciascuna tipologia di struttura semplice aziendale), 4 Gruppi di lavoro, uno per ciascun Distretto, che replicano, a livello distrettuale, l’ufficio di coordinamento centrale e che sono coordinati, ciascuno, dal proprio Direttore di Distretto.

Lo sforzo progettuale interno alla ASL si può considerare concluso con l’elaborazione del presente documento che raccoglie lo sforzo di condivisione progettuale espresso da tale forma organizzativa.

Adesso inizia la seconda fase che coinvolgerà direttamente la scuola: inizia la fase in cui scuola ed ASL dovranno costituire un organismo che permetta di stabilizzare e rinsaldare le forme di collaborazione tra le due istituzioni. Le ipotesi possibili sono tante, ma è intenzione di questa Direzione avviare una serie di contatti con la rappresentanza del mondo della scuola della Provincia, il Centro di Servizi Amministrativi, l’Ufficio Scolastico Regionale, un gruppo in rappresentanza delle autonomie scolastiche, con cui condividere e “reinventare” un organismo comune a scuola e ASL, fermo restando la rete interna alla ASL di Frosinone, che, di fatto, rappresenta la modalità organizzativa per la promozione di salute in Provincia di Frosinone.

Auguro a tutti, personale della ASL e personale della Scuola, di inaugurare una nuova stagione di collaborazione nella convinzione che la scuola, ancor più che in passato, rappresenta una istituzione a fondamento del vivere civile, strumento essenziale per una etica della responsabilità, della legalità e della partecipazione.”