NEWS - Nota UGL del 9.01.2018 su Delucidazioni scritte sul rispetto di normative in Sala Operatoria

qui c'è un'immagine

Ufficio Stampa

Prot. n. 3251 del 11/01/2018
Spett.le Direzione Provinciale
de “IL MESSAGGERO”
Frosinone

OGGETTO: Nota UGL del 9.01.2018 su Delucidazioni scritte sul rispetto di normative in Sala Operatoria.

Gentile Direttore, Gentile Collega,

in riferimento alla nota dell’UGL prot. 2300 del 10/01/2008, relativa a presunti avvenimenti al limite della legalità che si sarebbero verificati nella Sala Operatoria del P.O. di Cassino, si precisa quanto segue:

1. “nel Blocco Operatorio del P.O. di Cassino vengono regolarmente rispettati i requisiti minimi (organizzativi, tecnologici e strutturali) previsti dalla normativa vigente e cioè una Sala Operatoria di elezione due unità infermieristiche, un medico anestesista, due chirurghi più il Responsabile del Gruppo Operatorio.
Per due Sale Operatorie di elezione, quattro unità infermieristiche, un medico anestesista più due unità infermieristiche sempre a disposizione per le urgenze.
In assenza dei citati requisiti organizzativi il Responsabile di Sala Operatoria non dà autorizzazione alla seduta operatoria.
2. Per gli interventi di pacemaker vengono rispettati gli stessi criteri previsti nella seduta operatoria di elezione, tenuto conto che il Cardiologo viene supportato anche da personale del Reparto di Cardiologia.
Le fistole artero-venose, vista la tipologia dell’intervento, che si esegue in ane-stesia locale, vengono operate da due Dirigenti Medici Nefrologi con il sup-porto dell’infermiere fuori campo.
I cateteri Port non vengono più posizionati in Sala Operatoria da diversi mesi.
3. La centrale di sterilizzazione è allocata in Sala Operatoria ed il Servizio di ste-rilizzazione è centralizzato.
4. Per quanto concerne il trasporto dei malati attraverso il passamalato, quest’ultimo risulta appropriato come modalità organizzative e igienico-sanitarie per l’ingresso dei malati in Sala Operatoria.

Alla luce di quanto su rappresentato, appaiono completamente prive di fondamento le osservazioni riportate nella nota in oggetto.

Infine non possiamo esimerci di sottolineare che il P. O. di Cassino si trova in una fase di complessivo rilancio come è noto e come è stato ribadito pubblicamente nell’ultimo in-contro con la Stampa avvenuto poco prima di Natale.
A testimonianza di questo valgono anche le continue note di compiacimento che nu-merosi cittadini continuano a far giungere alla nostra Azienda.
Ciò non significa che ci vogliamo accontentare, ma proseguiremo verso ulteriori mi-glioramenti che la stessa Regione Lazio si è impegnata ad assicurare”.

Cordiali saluti.

F.to Marco Ferrara
Capo Ufficio Stampa ASL FR

AllegatoDimensione
Risposta a Il Messaggero.pdf705.33 KB